Rottura del Turbo: cosa fare?

Pubblicato il da lotroviqui

4966164073_ecd8ec7ed1.jpgIl turbo è un componente molto importante nei motori sovralimentati, ma è anche molto delicato.

 

Il suo funzionamento sfrutta i gas di scarico del motore per mettere in movimento la girante, e quindi le temperature di esercizio sono elevatissime e i giri che compie l'asse e la girante è altrettanto elevata.

 

Queste due componenti rendono il turbo un componente indispensabile ma davvero tanto tanto delicato.

 

All'nterno del turbo poi circola l'olio motore della macchina, e se questo olio non viene cambiato insieme al relativo filtro al giusto chilometraggio, le possibilità di rottura del turbo aumentano vertiginosamente.

 

La rottura del turbo può comportare anche il passaggio di olio dal circuito del turbo alla camera di combustione, in questo caso è opportuno fermarsi immediatamente e spegnere il motore per evitare di provocare danni ancor più gravi.

 

Ma cosa fare quando si rompe il turbo?

 

Sostituirlo con uno nuovo ha spesso prezzi che sono improponibili, che aggiunto alle ore di lavoro rende questo lavoro davvero costoso.

 

La migliore delle soluzioni è smontare il turbo e portarlo ad una delle ditte che fanno revisioni a questi pezzi meccanici.

Il costo è nettamente inferiore e il risultato è ottimo. Infatti il pezzo viene smontato, pulito, sabbiato, sostituiti i pezzi guasti, rimontato, ritarato e riconsegnato, a prezzi che spesso sono addirittura inferiori alla metà del prezzo del turbo nuovo!

 

La revisione è consigliata ogni 100.000 km!

Con tag Automobili

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Commenta il post